Cos'è il pranayama?

Argomento vario e multiforme quanto può esserlo un cielo di nuvole.

Citando B.K.S. Iyengar in Teorie e tecniche del pranayama:

"E’ difficile spiegare il Prana, come lo è spiegare Dio."

 

Ottimo. Siamo dei ‘diversamente alti’ che siedono sulle spalle di Giganti e da lì possiamo godere di una vista mozzafiato: nella prima parte di questo articolo guarderemo da lassù, nella seconda parte scenderemo a terra per una ricognizione sulle nostre gambette.

Parliamo dunque di pranayama, cominciando con ordine:

Etimologia di pranayama

Pranayama è una parola composta da Prana e Ayama.
Prana: (per ora, genericamente) respiro, respirazione, vitalità, energia, forza.
Ayama: estensione, espansione, lunghezza, ampiezza, regolazione, prolungamento, restrizione o controllo.

Sempre citando B.K.S. Iyengar, ibidem: "Il pranayama è un’arte e ha tecniche per far sì che gli organi respiratori si muovano e si espandano intenzionalmente, ritmicamente e intensivamente.[…] questa respirazione disciplinata aiuta la mente a concentrarsi e permette al praticante di ottenere buona salute e longevità."

Quindi il pranayama è arte e tecnica per gestire ed espandere il respiro.

 

Quindi respiro e prana si equivalgono?

Definizione di prana

Cito nuovamente B.K.S. Iyengar il quale, checchè ne dica, ha reso bene l’idea (ibidem):

"Prana è l’energia vitale che permea l’universo a tutti i livelli. È energia fisica, mentale, spirituale, sessuale e cosmica. Tutte le energie vibranti sono prana […] È il primo motore di tutte le attività. È l’energia che crea, protegge e distrugge. Vigore, potenza, vitalità, vita e spirito sono tutte forme di prana.  […] Il Prana è il soffio di vita in tutti gli esseri dell’universo, che nascono e vivono grazie ad esso, e quando muoiono, il loro soffio individuale si dissolve nel soffio cosmico.[...]"

Quindi: il prana non è solo il respiro ma il respiro può essere considerato un  ‘mezzo di trasporto preferenziale’ del prana.

 

Esiste inoltre un prana cosmico, infinito e indifferenziato e un prana individuale e specifico per ogni cosa che esiste.

Dal prana universale al prana individuale

Ecco come ne parla A. Van Lysebeth in Pranayama la dinamica del respiro:
"Tutto quello che si muove nel nostro universo manifesta prana: grazie al prana, il vento soffia, la terra trema, l’ascia si abbatte, l’aereo decolla, la stella esplode e il filosofo pensa. Il prana è universale. Noi esistiamo in un oceano di prana del quale ogni essere vivente è un vortice. Secondo gli yogi, ciò che caratterizza la vita è la sua capacità di attirare del prana dentro di sé, di accumularvelo e di trasformarlo per agire nell’ambiente interno e nel mondo esterno."


Imparando a conoscere e regolare il respiro è possibile rimuovere ostacoli interni, immettere e far circolare maggiori quantità di prana nel nostro sistema, regolando la mente  e aumentando la nostra energia vitale.

Dal prana individuale al prana universale

Swami Satyananda Saraswati  in Asana Pranayama Mudra Bandha aggiunge:
“Le tecniche di pranayama forniscono il metodo tramite il quale la forza vitale può essere attivata e regolata per andare oltre i confini o i limiti individuali normali ed ottenere uno stato più elevato di energia vibratoria”

 

Sempre di più e sempre meglio: praticando il pranayama si può accedere a livelli superiori di vitalità.

Come si può muovere un primo passo su questo percorso che ci può rendere sovranə della nostra forza vitale e parte attiva dell’intero universo?

 

E, in fin dei conti, come si fa a respirare bene e a stare meglio?

Terra terra, le basi

Citando T.K.V. Desikachar Il cuore dello Yoga:

"Seguendo gli Yoga Sutra si può dire che il pranayama è per prima cosa e principalmente, essere coscienti della respirazione."

Prima di addentrarci nelle tecniche più complesse e articolate, andiamo con ordine:  
iniziamo portando l’attenzione a ciò che è sempre con noi, nella buona e nella cattiva sorte, nel suo splendido e costante andirivieni: il respiro.


Proprio adesso, mentre stai leggendo. Proprio adesso, non tra cinque minuti. Continua a seguire con lo sguardo le parole scritte - sono più piccole: rallenta. Rallenta la tua lettura e volgi la tua attenzione, il tuo sentire interno, alle narici. Fai finta di niente, nessuno se ne deve accorgere lì fuori, continua a leggere piano, come se niente stesse accadendo, ma sposta la tua attenzione alle narici. Quella di destra e quella di sinistra. Ora, senti le narici insieme. Senti il contatto dell’aria che entra e che esce. Non cambiare il respiro! Non allungarlo nè trattenerlo! Ascolta solo il passaggio dell’aria, così com’è, dentro e fuori dalle narici. Ancora una volta, una volta sola: aria fresca che entra e tocca le narici ed espirando aria più umida e calda che esce e saluta le narici.
Ecco fatto. Questo è pranayama.

QUESTO E’ PRANAYAMA.

Livello base. Livello indispensabile.Consapevolezza del respiro.
Nasce tutto da qui. Si può fare in qualsiasi momento, ovunque.
Da qui può iniziare l’esplorazione.

 


Per ora, buona continuazione e consapevolezza alle narici.


 

Vuoi conoscere meglio il tuo respiro?

Yogadhoc Percorso Yoga

Clicca qui per saperne di più


Foto di Pixabay da Pexels

Scrivi commento

Commenti: 0